Avrei potuto chiudere gli occhi per sempre

oppression-458621_640

“Quella sera compivo 28 anni… ho desiderato morire. Avrei potuto chiudere gli occhi per sempre. Volevo disperatamente una pace che non conoscevo. Distesa sul letto guardavo tra le lacrime il cielo blu, scuro, fitto. Poche stelle, puntini sfavillanti in apparenza immobili, la luce fioca della luna, troppo debole per dare luminosità alla stanza, alla mia vita, per dare speranza. A gambe aperte, mentre ti infilavi in me compiendo un gesto ignobile, ripetitivo, mi tenevi le mani bloccate perché in un attimo di sana ribellione avevo osato sfidarti. Ed ero ferma, il dolore mi scorreva tra le gambe, mi invadeva la mente, soffocava i miei gemiti di vita.

Io speravo di morire. Ho pregato di abbandonare la pena di quel corpo violato, di dimenticare la vita stessa. Librarmi in aria e raggiungere quel cielo che continuavo a guardare. Per un attimo mi sono vista dall’alto, ho osservato lo squallore della mia esistenza, il livore con cui mi trattavi, ti ho visto di spalle ficcato dentro me, ho visto me stessa che guardava in alto verso quelle stelle che avrebbero potuto salvarmi se solo tu avessi deciso di rinvigorire la tua forza, la tua violenza. Mi sono augurata che tu lo facessi. Volevo nascondermi, seppellirmi. Le lacrime sul collo, la tua umidità tra le gambe dolenti, gli occhi rivolti in alto.

Guarda in alto, mi ripetevo. Guarda in alto e ti salverai. Il mare è sempre lì che ti guarda

Se lo facevo, se guardavo in alto, se fingevo che tu non ci fossi, permettendoti di fare di me ciò che volevi, se non mi opponevo, se non mi ribellavo a te, ma mi mostravo docile, allora finivi in fretta. Ho guardato in alto, il cielo, il soffitto, tante volte in quei dieci anni. Per salvarmi, per sopravvivere a te perché nonostante il desiderio di morte, nonostante la stanchezza di vivere, l’istinto di conservazione mi tratteneva, mi inchiodava a quella vita, come un albero che piantava le sue radici fino a raggiungere la profondità della terra, fino a radicarsi in essa senza riuscire più a sottrarsi.

Tratto da ‘Il mare è sempre lì che ti guarda’ – Emiliana Erriquez

http://www.amazon.it/Il-mare-sempre-che-guarda-ebook/dp/B00XK2C77E/ref=sr_1_1?s=digital-text&ie=UTF8&qid=1448458857&sr=1-1&keywords=il+mare+%C3%A8+sempre+l%C3%AC+che+ti+guarda

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...